I siti valorizzati

 

Nella cittÓ di Crotone molti siti e resti archeologici risultano integrati nel tessuto urbano centrale. Si tratta di emergenze rinvenute nel corso di lavori di scavo, all'interno di edifici pubblici o privati. Come diffusamente attestato dalle esperienze svolte in diverse cittÓ, intervenire nel tessuto urbano centrale richiede una particolare attenzione, risultando necessario procedere con i necessari studi e progetti per valutare la fattibilitÓ degli interventi e individuare, in via preliminare, le eventuali interferenze, i vincoli, ecc.  La presente iniziativa progettuale afferisce tre siti di interesse archeologico e intende qualificarsi quale intervento integrato di recupero, conservazione e valorizzazione in linea con un pi¨ organico programma di azioni a tutela dell'intero patrimonio culturale ed archeologico della cittÓ di Crotone. Il progetto, pertanto, si inquadra in una pi¨ ampia strategia di valorizzazione, attrattivitÓ e fruibilitÓ dei diversi siti archeologici cittadini. 
Le tre aree archeologiche interessate dall'intervento sono: 
1. L'Area della Banca Popolare di Crotone, (da ora Area B.P.C.) attualmente Banca Popolare Emilia Romagna, VIII secolo a. C. - XIV d. C.; 
2. l'Area Municipio, III secolo a.C. - III sec. d.C.; 
3. l'Area delle mura bizantine,VI sec. d.C. 

I tre siti dell'intervento
I tre siti dell'intervento
 

Elaborazione dell'ufficio:Centro Elaborazioni Dati (CED)
Fonte: Settore Storia e Beni Culturali
Data ultimo aggiornamento 8 Agosto 2017
Revisionato da Alessandra Vrenna
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO