Monumento ai Fratelli Bandiera

Monumento ai Fratelli Bandiera - Località Bucchi
Monumento ai Fratelli Bandiera - Località Bucchi

Il monumento, posto a ricordo della fallita spedizione, sorge in località Bucchi, presso la foce del fiume Neto, nel luogo in cui sbarcarono i fratelli Emilio ed Attilio Bandiera nel 1844. Esso fu pensato per celebrare il centenario dell' Unità d'Italia, che cadeva nel 1961.
Progettato dall'architetto Giorgio Volpato di Roma, è una struttura in cemento armato e marmo. Si articola su due livelli: su un pianoro a livello della strada sorge, al centro, una croce in legno. Un piazzale lastricato in cemento conduce ad una scalinata in marmo che sale al secondo livello. Qui, al centro di un basamento sempre in  cemento si trovano 17 blocchi in  pietra di Trani, a ricordo dei  17 coraggiosi patrioti compagni dei Bandiera. Una struttura in calcestruzzo, alta circa tre metri, domina il livello più alto. Si tratta di un parallelepipedo sorretto da un pilastro verticale decentrato, posto nel punto d'incontro di due travi che si intersecano perpendicolarmente.
Ecco il significato dell'opera secondo le parole dell'arch. Volpato: "Lo studio è impostato su forme geometriche molto semplici. [...]. Una lunga distesa di verde si trova ai piedi del monumento e crea un forte contrasto con il movimento volumetrico della parte più alta.[...]. Una passeggiata, che parte dal piazzale, conduce al centro del monumento: lungo questa passeggiata sono ricordati simbolicamente, con dei settori di pietra, tutti i 17 valorosi che parteciparono all'impresa. Il caminamento è privo di ringhiera sulla parte sinistra per rendere più suggestivo il percorso che porta al fulcro della composizione. Qui, partendo da una zona leggermente più bassa, nasce una stele molto frazionata nella parte bassa, che vuol rappresentare il nascere di un'idea di unità dalla suddivizione in vari Stati in cui allora era frazionata l'Italia. Questa stele, man mano che si eleva, acquista sempre una maggior forma e volume culminando nei quattro bracci indicanti il sacrificio di tanti patrioti per dare all'Italia l'Unità rappresentata dal blocco cavo di cemento sorretto dai quattro bracci. Questi bracci hanno, come sezione costruttiva, la stessa dei 17 settori simbolici della passeggiata, per collegare spiritualmente il sacrificio dei Fratelli Bandiera con tutti i patrioti che operarono per l'Unità d'Italia". L'inaugurazione del monumento avvenne il 21 aprile del 1966, alla presenza del sindaco Salvatore Regalino (1965-1966) e del Capo dello Stato Giuseppe Saragat.  La cerimonia è documentata in un libretto, redatto dall'ex sindaco Salvatore Regalino, dal titolo "Fratelli Bandiera tra mito e realtà", stampato nel giugno del 1987.

 
Un momento dell'inaugurazione. Al centro: Sandro Pertini e Giuseppe Saragat
Un momento dell'inaugurazione. Al centro: Sandro Pertini e Giuseppe Saragat
 

Testi di Alberta Cassano e Teresa De Meco - Ufficio Beni Culturali

 

Elaborazione dell'ufficio:Centro Elaborazioni Dati (CED)
Fonte: Ufficio Beni Culturali
Data ultimo aggiornamento 8 Agosto 2017
Revisionato da Alessandra Vrenna
                           
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO