Elezioni del 6 e 7 giugno. Voto domiciliare

 
Esercizio del voto domiciliare
Esercizio del voto domiciliare

Si rende noto che, con legge n. 46 del 7 maggio 2009, e' stato esteso il diritto di voto domiciliare, oltre che agli elettori che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, anche agli elettori affetti da gravissime infermità, tali che l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l'ausilio del trasporto pubblico che il comune organizza in occasione di consultazioni, per facilitare agli elettori disabili il raggiungimento del seggio elettorale.
L'elettore deve far pervenire al sindaco una dichiarazione nella quale attesta la volontà'di esprimere il voto presso l'abitazione in cui dimora, entro il 18 maggio 2009 per le consultazioni europee ed amministrative ed entro il 1 giugno 2009, per l'eventuale turno di ballottaggio e per le consultazioni referendarie.
La dichiarazione dovrà essere corredata dalla certificazione sanitaria, rilasciata dal funzionario medico designato dal competente organo dall'azienda sanitaria, in data non inferiore al 45° giorno antecedente la data della votazione e con una prognosi di almeno 60 giorni decorrenti dalla data del certificato.
Si ribadisce che il termine di scadenza per presentare la documentazione e', per consultazioni europee e amministrative, il 18 maggio 2009, mentre per l'eventuale turno di ballottaggio e per le consultazioni referendarie, il giorno 1 giugno 2009.

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO