La "leonessa" del tatami

 
Un momento dell'incontro
Un momento dell'incontro

E' una leonessa sul tatami ma timida, riservata, dotata della naturale gentilezza femminile nella vita d itutti i giorni.
E' Rossana Gentile, fresca vincitrice della medaglia di bronzo alla finale di Coppa Italia di Judo che si č tenuta lo scorso 1 giugno a Follonica e che stamattina l'Amministrazione Comunale ha voluto ringraziare a nome della comunitā cittadina.
Nella Sala Giunta l'assessore allo Sport Claudio Molč ha incontrato la giovanissima judoca in quella che ormai č diventata una piacevole consuetudine di abbracciare gli atleti crotonesi che si distinguono in campo nazionale.
All'iniziativa era presente anche l'assessore allo Spettacolo Mario Megna.
Rossana che mostrava orgogliosa la medaglia vinta a Follonica era accompagnata dal papā e tecnico Tommaso, dal presidente della Judo Milone Crotone Beniamino Noce e dall'"anima" della gloriosa societā sportiva Oscar Facente.
A partecipare alla giornata di festa per l'atleta della Judo Milone anche la mamma, i familiari e tanti amici venuti ad applaudirla.
Un successo quello di Rossana che nei numeri, erano in trentaquattro a contendersi le medaglie ma anche nella qualitā delle partecipanti, moltissime erano le atlete di grande esperienza nazionale ed internazionale, da la dimensione dell'impresa della giovane atleta crotonese.
Ma l'affermazione di Rossana come ha detto l'assessore allo Sport Claudio Molč "sta soprattutto nella passione sia dell'atleta sia della sua scuderia che da anni si propone, anche a costi di molti sacrifici personali, di essere un punto di riferimento non solo sportivo per molti giovani della nostra cittā".
L'assessore Molč ha ricordato l'impegno del Comune di Crotone per tutto il mondo dello sport che č consistito, in particolare, nel mettere a disposizione di tante associazioni sportive nuove palestre presso gli istituti scolastici e gli impianti come, ad esempio, la piscina olimpionica che rappresentano un vanto non solo per la cittā ma per la Calabria intera.
E' legittimo tuttavia riconoscere il sacrificio, anche di natura economica, al quale sono chiamate le associazioni sportive.
L'assessore Molč ha assicurato anche da questo punto di vista la vicinanza dell'amministrazione pur tenendo conto delle difficoltā economiche alle quali sono soggetti gli enti.
 
 

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO