Parole di donne in uno scaffale

"Invece di regalare delle mimose, abbiamo pensato di dare alle donne di Crotone uno spazio di incontro per la formazione con la presenza di molti libri sulle tematiche che le riguardano". E' quanto ha affermato l'assessore alla cultura, Giovanni Capocasale, parlando della creazione dello "Scaffale Rosa", una sezione dedicata al mondo femminile.
L'inaugurazione di questo nuovo spazio all'interno del Castello Carlo V, finalmente tirato a lucido, con una sistemazione delle aree verdi, c'è stata ieri pomeriggio. "Abbiamo recuperato e completamente ristrutturato due stanze del castello finora adibite a deposito - ha aggiunto Capocasale - che abbiamo messo a disposizione delle donne, ma anche delle associazioni che ne facciano richiesta per le loro riunioni.
Le abbiamo arredare e dotate di un primo nucleo di libri interamente dedicati all'universo femminile, che hanno integrato una prima donazione fatta da Antonella Mustacchio. Qui - ha concluso l'assessore - in futuro si terranno anche i corsi culturali che si realizzano nelle biblioteca e che prima si svolgevano nella mediateca".
A margine l'assessore Capocasale ha annunciato anche altri tipi di intervento all'interno del castello per recuperare nuovi spazi da mettere a disposizione della cittadinanza. La responsabile della Biblioteca, Luciana Proietto, ha ricordato che le opere attualmente presenti nello scaffale rosa sono circa duecento e vanno dalla saggistica, alla narrativa e riguardano le lotte femminili, le condizioni delle donne nel corso del tempo ed un po' tutti i temi di genere che possono interessare. Per l'assessore comunale alle pari opportunità, Eugenia Garritani, "questa è la prima azione dopo la conclusione di iniziative dedicate alla donna che l'amministrazione comunale, insieme alla commissione di parità comunale ha svolto nell'ultima settimana".
Crediamo fortemente nella importanza della lettura e delle formazione come strumenti di miglioramento e lo scaffale rosa servirà a valorizzare il genere femminile. Anche per questo, con la consulenza di Antonella Cosentino, abbiamo proposto - ha concluso la Garritani - l'acquisto di altre opere di grandi scrittrici"". Della sua donazione di libri e supporti multimediali riguardanti il lavoro al femminile, che ha difficoltà di inserimento specialmente nelle nostre realtà, e sull'importanza di questo spazio ha parlato Nella Mustacchio. "Il tutto è partito dalla proposta di uno scaffale rosa che poi è diventata anche una bacheca su cui dare informazione con possibilità di interagire, e infine, il tutto è scaturito nella creazione di uno spazio fisico per incontrarsi e discutere".
Per la presidente della Commissione comunale delle pari opportunità, Paola Curatola, invece, "la scrittura è stata una delle maggiori conquiste del mondo femminile, per uscire dai loro silenzi; importante è, in questo senso la creazione di questo spazio per leggere, istruirsi e intrecciare passato, presente e futuro, fatti di sogni e desideri". Ora tocca alle donne far diventare questo spazio vitale e soprattutto fare in modo che sia centro culturale".
Fonte: Il Quotidiano

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO