Oltre 800.000 euro risparmiati

 
Assessorato all'Avvocatura
Assessorato all'Avvocatura

Il Consiglio di Stato, con sentenza depositata lo scorso 14.04.2021, ha accolto il ricorso promosso dal Comune di Crotone: oltre 800.000 euro risparmiati, nell'immediato, per l'ente ed il contenzioso prosegue ai fini dell'accertamento del diritto a non versare alcuna somma rispetto ad un debito quantificato dal TAR Calabria in oltre 4.200.000 euro.
Sono i primi frutti delle azioni giudiziarie messe in campo dall'amministrazione, su input degli assessorati all'Avvocatura e al Bilancio, a seguito del deposito, lo scorso 28 dicembre, di una sentenza del TAR Calabria che condannava l'amministrazione al pagamento di un debito milionario connesso al presunto mancato versamento di indennizzi per un'occupazione d'urgenza ed il mancato esproprio di un'area comunale il cui iter era stato avviato nell'anno 1993.
Una vicenda amministrativa e giudiziaria lunga quasi 30 anni e straordinariamente a tutt'oggi non definita: la sentenza del TAR, basata su una precedente ordinanza della Corte di Cassazione di giugno 2020, in buona sostanza stabiliva il diritto del proprietari ad ottenere il pagamento di una somma quantificata in oltre 4.200.000 euro: rispetto a tale sentenza, l'amministrazione ha impugnato la sentenza del TAR in Consiglio di Stato e l'ordinanza della Cassazione attraverso il rimedio della revocazione.
L'amministrazione, difesa in entrambi i casi dagli avvocati Rosario e Vincenzo Medici, ha nell'immediato fatto valere le sue ragioni innanzi al Consiglio di Stato ottenendo il risultato immediato e definitivo di risparmiare oltre 800.000 euro non dovuti dai proprietari; il contenzioso prosegue ora davanti alla Corte di Cassazione.
"Dal nostro insediamento sono state depositate giÓ 4 sentenze relative a vicende espropriative quanto mai risalenti e straordinariamente non definite nel corso degli anni. Un fenomeno giÓ noto a questa amministrazione che ha comportato, giÓ negli anni addietro, l'esborso di enormi somme. Tuttavia l'amministrazione non ha inteso e non intende alzare bandiera bianca a priori. Nello specifico, abbiamo esaminato con attenzione tutta la documentazione ed abbiamo fatto ricorso sostenendo le ragioni dell'Ente che hanno trovato l'adeguato riscontro nella sentenza del Consiglio di Stato. Allo stesso modo stiamo affrontando tutta la delicata situazione degli espropri ancora pendenti che rappresentano una vera e propria spada di Damocle per l'ente e per la cittÓ. Questo importante risultato conforta questo nostro lavoro che intendiamo proseguire con determinazione nell'interesse collettivo. Il ringraziamento va agli avvocati Rosario e Vincenzo Medici per il lavoro messo in campo" dichiara l'assessore all'Avvocatura Sandro Cretella.

Crotone, 15 aprile 2021

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO