Politiche sociali comunali
Politiche sociali comunali

Proseguire nelle politiche intraprese a favore dell'infanzia in particolare e del sociale pi in generale.
E' questo il senso di quanto espresso nel corso della conferenza stampa indetta stamattina che si tenuta nella sala consiliare del Comune ed alla quale hanno partecipato il consigliere delegato ai servizi sociali Filippo Esposito e l'assessore al Bilancio Manuela Asteriti.
Con loro il Dirigente del Settore Servizi Sociali Vincenzo Scalera e il funzionario del settore Franco Valerio.
L'obiettivo dell'incontro odierno era focalizzare l'attenzione sulle possibilit offerte dal Bando per l'accesso ai contributi per l'avviamento ai servizi integrati a favore delle famiglie e dei minori e del ruolo attivo che si prepara a svolgere il Comune, ma anche per fare il punto su alcune attivit che l'amministrazione Vallone ha messo in campo proprio a favore dei pi piccoli.
E' stato il consigliere delegato Filippo Esposito che ha ricordato alcune di queste attivit: i sette parchi aperti in citt (uno di questi progetti "Stessi Giochi Stessi Sorrisi" destinato alla fruizione dei bambini diversamente abili fu premiato come buona prassi da Legambiente), l'apertura di due ludoteche, la partenza dei micronidi le cui rette sono interamente a carico dell'amministrazione comunale e la programmazione di un nuovo asilo nido comunale nella zona di Tufolo - Farina.
Si entrati poi nello specifico delle azioni previste dal Bando di emanazione regionale che ma vedono un ruolo attivo svolto dal Comune che chiamato non solo all'istruttoria delle pratiche ma che si propone anche di supportare la cittadinanza attraverso i propri uffici e che chiamato anche alla promozione  di servizi specifici.
Una azione, che vede i comuni agire quali soggetti promotori, prevede un contributo in spesa corrente per l'avviamento di servizi integrativi in contesto domiciliare. I destinatari sono le famiglie con bambini in et compresa tra i 3 e i 36 mesi.
Viene poi concesso la possibilit di accedere ad un contributo di 500 euro per l'erogazione di ticket per acquisto di beni primari per l'infanzia per nuclei familiari indigenti
Il bando non prevede solo interventi a favore dei minori.
E' previsto, infatti, a favore di Cooperative Sociali, associazioni di volontariato, enti ecclesiastici contributi per la presentazione di progetti finalizzati alla preparazione di pasti e loro eventuale consegna a domicilio a favore di persone in difficolt.
E' previsto, ancora, un contributo economico una tantum di 3.000 euro finalizzato a favore di persone in situazione di povert estrema nel cui ambito vivono persone non autosufficienti.
Di una particolare rilevanza l'avviso pubblico per la concessione di contributi iscritte nell'albo delle associazioni di Auto Mutuo Aiuto Familiare per attivit di cura, custodia e assistenza realizzate mediante forme di mutuo aiuto tra le famiglie al cui interno sono presenti soggetti affetti da particolari patologie.
L'Assessore Asteriti ha posto l'accento sul ruolo attivo del Comune ed anche sulle opportunit di lavoro che possono derivare dall'applicazione del bando

 

 

 


 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO