Lo sport contro l'esclusione sociale

 
Lo sport contro l'esclusione sociale
Lo sport contro l'esclusione sociale

Anche lo sport contribuisce a combattere l'esclusione sociale.
Dodici ragazzi crotonesi, appartenenti a famiglie che vivono disagio economico, potranno fare attivit sportiva in forma gratuita.
E' quanto previsto dal protocollo di intesa stipulato tra l'Amministrazione Comunale e il Centro Sportivo Educativo Nazionale nell'ambito del progetto P.ost_C.ard: abitare lo sport e raccontarlo.
La collaborazione proposta dal Responsabile Regionale dello C.S.E.N. Giuseppe Tarantino stata subito condivisa dall'Assessore allo Sport Claudio Perri e dal Consigliere delegato ai Servizi Sociali Filippo Esposito
P.ost_C.ard un progetto finanziato dal Ministero delle Politiche Sociali che attraverso il CentroSportivo Educativo Nazionale ed in accordo con i comuni consente a tanti ragazzi, che non hanno la possibilit economica, di frequentare palestre o altri centri sportivi.
Ai ragazzi sar consegnata una post card che permetter di iscriversi gratuitamente in una lista di palestre o di impianti sportivi che si sono resi disponibili a partecipare al progetto.
"Dodici ragazzi crotonesi che vivono in contesti familiari dove persiste disagio economico" dichiara l'Assessore allo Sport Claudio Perri "potranno svolgere per un anno attivit sportiva in forma gratuita".
"Mai come in questo caso lo sport contribuisce ad unire. Questi ragazzi potranno correre, saltare, nuotare, sentendosi uguali ad altri, senza barriere di nessun ordine" aggiunge l'Assessore allo Sport.
"Fare sport non soltanto una attivit per riempire il tempo libero. Per i ragazzi crescere anche dal punto di vista del benessere fisico un diritto" prosegue l'assessore Perri.
La individuazione dei ragazzi crotonesi che usufruiranno della P.ost_C.ard verr fatta dal servizio sociale del Comune che valuter le situazioni di particolare indigenza delle famiglie di appartenenza.
P.ost_C.ard un progetto che coinvolge dieci regioni. In Calabria sono coinvolti anche i Comuni di Rossano e S.Giovanni in Fiore.
E' previsto un evento finale nel quale saranno riportate le esperienze realizzate a livello nazionale.
"Ma saremo gi soddisfatti se iragazzi, grazie a questa esperienza, "si" e "ci" regaleranno un sorriso,come giusto che sia" dichiara il Consigliere Delegato ai Servizi Sociali Filippo Esposito.

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO