Maggio: legna e (soprattutto) formaggio

 
maggio legna e formaggio
maggio legna e formaggio

Prende spunto da un vecchio adagio popolare l'iniziativa promossa dal Comune di Crotone in collaborazione con Gal Krotone e Associazione Tipicamente Crotonese che si tenuta questa mattina nella centralissima Via Vittorio Veneto nell'ambito delle manifestazioni promosse per la Festivit Mariana: "mese di maggio, metti in casa legna e formaggio".
Come la morale della cicala e della formica l'antico detto ricorda come importante mettere da parte legna nei mesi pi caldi, quando secca, per l'inverno e un po' di formaggio che pu essere consumato in tutte le occasioni.
Ma al di l dei detti popolari la manifestazione di stamattina stata l'occasione oltre che per ribadire la sinergia che si stabilit tra le associazioni ed il Comune di Crotone che da tempo portano avanti iniziative per la promozione dei prodotti tipici anche per promuovere, e gustare, formagg itipici del crotonese come il celebrato pecorino.
Un prodotto che da tempo ha superato dal punto di vista della notoriet i confini della Calabria e che come ha ricordato Martino Barretta dell'Associazione Tipicamente Crotonese "oltre ad essere gustoso , dal punto di vista alimentare, di alta qualit. Fresco viene consumato grattugiato nella cucina tradizionale calabrese, ad esempio, sui sughi. La stagionatura ne esalta ancora di pi il sapore e lo rende famoso in tutto il mondo"
Sul ruolo svolto dal mondo dell'associazionismo si sofferma l'assessore alle attivit produttive Anna Melillo che evidenzia "la sinergia che si creata con le associazioni che ci consente la riuscita di questi eventi che sono graditi dai cittadini che hanno la possibilit di avvicinarsi direttamente al produttore e conoscere, anche dal punto di vista delle tecniche di lavorazione, i prodotti che vengono promossi"
Oltre ai formaggi quanti hanno visitato i gazebo allestiti sul corso hanno potuto sentire il profumo delle tradizionali crespelle, soffici ciambelle fritte, e naturalmente assaggiarle.
Profumi e sapori della terra crotonese ai quali anche il palato pi riottoso non pu dire di no.


 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO