Il peso delle parole

 
Il palazzo comunale
Il palazzo comunale

Nel leggere il comunicato diffuso dalle RSU del Comune di Crotone al senso di amarezza che mi porto dal giorno dell'aggressione ad un funzionario comunale ho aggiunto un senso di scoramento perch mi trovo di fronte ad un documento che, pur nella legittima e doverosa solidariet espressa dai colleghi e che nelle intenzioni voleva essere un valido e costruttivo contributo per la risoluzione dei problemi all'effetto pratico assume solo la valenza di un generico atto di accusa nei confronti dell'amministrazione comunale.
Non ci sto, non possiamo esserci a questo "j'accuse" che genericamente contiene questo documento.
E, si badi, non ci sto non per rifuggire a responsabilit. Anzi, io sono il sindaco, il capo di questa amministrazione e nell'assumere pienamente la responsabilit di quanto successo non mi sono limitato a prendere le distanze dal gravissimo episodio.
Ho subito convocato la giunta comunale per costituirci parte civile nel procedimento contro i responsabili del gesto. Anzi ho chiesto di individuare ulteriori forme autonome di tutela giuridica non solo per il funzionario ma per tutti i dipendenti dell'amministrazione rispetto alla denuncia presentata dallo stesso funzionario comunale.
Nelle ore successive la stessa maggioranza ha inteso chiedere, in maniera chiara, le dimissioni della consigliera comunale i cui parenti sono stati protagonisti del vergognoso episodio.
E' naturale che l'episodio stesso abbia generato la necessit di rivedere l'organizzazione interna e su questo siamo pienamente disponibili ad aprire un confronto con tutto il personale. Del resto la mia porta sempre aperta, e non da oggi, alle istanze del singolo quanto della rappresentanza tutta dei dipendenti.
Ma da qui ad aggiungere altro c' una differenza sulla quale necessario fare un approfondimento comune.
Non troppo semplice, non troppo facile, non troppo poco stigmatizzare l'argomento e non ci siamo limitati a fare questo.
Non abbiamo mai lanciato persone allo sbaraglio ma ci siamo sempre assunti direttamente la responsabilit di dire "NO" quando andava detto.
E per i tantissimi "no" dati, il sottoscritto ha personalmente subito anche la durezza e la crudezza delle risposte.
Mi auguro che nel redigere il documento le RSU, probabilmente toccate come il sottoscritto dalla crudezza dell'avvenimento, non si siano lasciate prendere la mano travalicando con le parole il senso del sentire comune di tutta l'assemblea dei dipendenti sicuramente tesa a condannare il gravissimo episodio ma non dare vita ad un documento politico.
A tale riguardo ho immediatamente convocato le stesse RSU e i sindacati di categoria provinciali per un incontro luned prossimo al quale seguir un incontro con tutti i dipendenti affinch si possa chiarire se il senso di quanto espresso frutto del sentire comune o di una libera interpretazione.
Ma gi da ora invito, chi ha sostenuto genericamente che il palazzo comunale un luogo dove si esercita un"disgustoso potere", a fare nomi e cognomi.
Il sindaco non avr timore a prendere i dovuti provvedimenti.
Se per cos non fosse, e non cos, il peso delle parole lo discuteremo insieme nell'assemblea con i dipendenti.
Peppino Vallone
Sindaco di Crotone


 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO