Un tratto del lungomare
Un tratto del lungomare

Ancora una volta, e auspico che sia l'ultima, perch non consentir pi a nessuno di continuare in questa azione di dileggio, che non c' stato alcun sversamento fognario sul nostro litorale.
Lo specifico a caratteri cubitali: NON C'E' STATO NESSUNO SVERSAMENTO FOGNARIO, NON SIAMO IN PRESENZA DI INQUINAMENTO DELLE ACQUE. IL MARE E' PULITO.
Si trattato, come accertato dai sopralluoghi di Congesi e della Capitaneria di Porto, immediatamente allertati, delle conseguenze di una mareggiata che ha fatto stagnare l'acqua del mare in un punto specifico del litorale.
Un punto che qualcuno si divertito poi successivamente a fotografare e postare sui social creando allarmismo nella popolazione.
Ormai non siamo pi alla presenza di fake news ma di autentico sciacallaggio, che nel tentativo di colpire l'operato dell'amministrazione, danneggia l'immagine di una intera citt.
Le recenti analisi dell'Arpacal hanno confermato la eccellenza delle acque. Si tratta di dati scientifici inoppugnabili.
Eppure qualcuno si diverte nel perseguire in quest'opera di demolizione.
Occorre maggiore responsabilit, soprattutto da parte di chi ricopre ruoli pubblici.
Qui non in gioco solo il lavoro di una amministrazione che in tre anni ha definitivamente risolto il problema degli sversamenti sul litorale, ma Crotone nella sua interezza.
Siamo alla presenza di un analfabetismo politico che viene espresso con forme visive e verbali che rispediamo ai mittenti cos come allo stesso tempo mi riservo di prendere gli opportuni provvedimenti a tutela della immagine della citt perch non consentito a nessuno di danneggiare Crotone, gli operatori turistici, chi vive di attivit di ristorazione e di ospitalit sul lungomare, per motivi di bassa cucina politica.
Ai cittadini ed agli ospiti della citt bisognerebbe chiedere scusa per l'infantilismo politico di cui sono involontari vittime.
Li rassicuro che non abbiamo mai mollato un attimo sulla tutela dell'ambiente.
Ugo Pugliese
Sindaco di Crotone

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO