Il Comune lancia la rete turistica locale di Crotone

Sulla scia del proficuo momento di concertazione promosso nell'ambito della redazione del Piano Strategico della città, il Comune di Crotone ed in particolare l'assessorato alle Attività produttive e Turismo, retto da Cesare Spanò, ha avviato un altro percorso di condivisione e sinergia che ha come fine ultimo la costituzione di una rete turistica locale che metta a sistema le risorse storiche, artistiche e naturali del territorio e le competenze e professionalità dei soggetti pubblici e privati del crotonese operanti nel settore. L'assessore Spanò, affiancato dall'assessore alla Cultura, Giovanni Capocasale, e dall'assessore allo Sport e Spettacolo, Mario Megna, ha illustrato e proposto l'iniziativa ad un primo gruppo di interlocutori nei locali dell'Hotel Casarossa. Ha partecipato ai lavori l'assessore provinciale al Turismo, Carlo Colucci. Erano, inoltre, presenti Luigi Falzetta per Confartigianato, Roberto Salerno per Confcommercio, Vincenzo Saggese per Confindustria, Massimo Madarena per Fiavet, Natale Carvello per il Gal Kroton, Carlo Nigro per le Autolinee Romano, Nella Mustacchio per ArtigianKroton, Domenico Lizzi per il Centro Servizi per il turismo, Vittoria Cardamone e Domenico Falzetta per il dipartimento Affari Generali e Turismo del Comune. L'idea dell'amministrazione comunale è quella di costituire a Crotone una struttura simile ai sistemi turistici locali regolamentati a livello nazionale, ma non ancora recepiti dalla Regione Calabria. «Per non restare fermi in attesa che la Regione legiferi - ha spiegato Spanò - nulla ci vieta di partire con una rete regolamentata da noi stessi secondo le nostre esigenze». Nella rete potranno confluire soggetti pubblici (Comuni, Provincia, Camera di Commercio, riserva marina), associazioni e consorzi (Confcommercio, Confartigianato, Confindustria, Pro Loco) ed imprese (Aeroporto Sant'Anna, Autolinee Romano, agenzie di viaggio, strutture ricettive, operatori turistici). Dopo aver individuato il gruppo di partenza, si procederà alla condivisione di linee strategiche comuni ed alla definizione di un programma operativo. Proprio per passare all'operatività della rete, i suoi componenti saranno chiamati a mettere a sistema beni materiali, immateriali, know-how, progetti in corso e personale. Il Comune di Crotone ha offerto la collaborazione del Centro Servizi per il turismo, la cui gestione è stata recentemente affidata a mezzo di bando di gara ed il gruppo del Piano di Marketing, che sta già fattivamente lavorando alla progettazione della rete turistica locale considerandola il primo passo per la costituzione di un'immagine coordinata del territorio provinciale e di un'offerta turistica valida.In seguito alla definizione della dotazione della rete, si passerà alla stipula di un protocollo d'intesa che regolamenti il funzionamento, i nuovi ingressi e le unità operative del sistema. A queste unità operative sarà quindi affidato il compito di creare materiale promozionale coordinato, una banca dati informativa turistica a cui sia associato un servizio di assistenza ai turisti tramite telefono, web e radio, un servizio di creazione di itinerari e raccolta di informazioni sul territorio, ed un servizio di prenotazioni di strutture ricettive, escursioni e quanto altro possa essere utile nell'ottica di un'offerta turistica completa e funzionale.La proposta dell'amministrazione comunale è stata ben accolta dai soggetti intervenuti alla riunione. La prima adesione all'iniziativa intrapresa dall'assessorato di Spanò è arrivata da parte dell'assessore al Turismo della Provincia di Crotone, Carlo Colucci, che ha immediatamente riconosciuto le opportunità e le economie di scala che scaturirebbero da un'organizzazione sinergica e concertata della stagione estiva e delle festività, piuttosto che dalla realizzazione congiunta di materiale promozionale ed informativo. Anche gli altri convenuti hanno sottolineato l'apertura dimostrata dal Comune, dalla marcata discontinuità col passato, e dall'immediata concordanza d'intenti dimostrata dall'amministrazione provinciale.

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO